Lussi

Non immagini nemmeno quanto pizzo ci voglia per vestire un’anima raffinata come la mia, come non immagini nemmeno che tipo di carezze servono per toccare la mia mente… giocare con le alchimie mi riesce bene solo se nascono e crescono da un brivido. Un brivido diventa chiave assoluta e apre porte sui miei universi inimmaginabili: non ingabbio passioni, le creo, le scateno.
Peccato che giocare con una pelle come la mia è un lusso che non concedo più a nessuno…©Yelena b.

masquerouge

Demons

Scrivere di me… sembra facile quando le parole ti vengono davvero.
Scrivo di me sempre perché ogni giorno mi parlo incessantemente.
Ci sono pensieri che non posso spegnere, pensieri che mi accompagnano e mi tornano.
Le anime in tumulto sono vulcani di parole, ricordi, sentimenti, sospiri…
Ho bisogno di scriverle ovunque, sono i miei demoni da esorcizzare, che quando decidono di scatenarsi posso correre ovunque, tanto mi raggiungono e mi fanno male.
E io con quel dolore scrivo… scrivo… scrivo a prezzo della mia povera anima.©

 

mano

Alchimie

Non ti chiedo spesso come stai, mi basta leggermi dentro.
Mi sento chiuso in una stanza dove filtra poca luce che scopre colori sbiaditi e reali.
Gli odori non si sentono più, le narici sono assuefatte.
Vorrebbero tornare a funzionare, hanno bisogno di nuovi stimoli, sono in cerca di nuove emozioni.
Inutile illudersi che la pace va trovata dentro quando si ha tanto da dare e, tanto si vorrebbe ricevere.
Non sempre funziona, non con tutti. Le stabilità sono importanti, importantissime.
Un macigno sicuro a cui aggrapparsi, ma anche dove ancorarsi. Invece fermi non si riesce a stare, il vivere pretende nuove emozioni e nuove situazioni.
E’ quasi una condanna per chi e’ un po’ artista ed un po’ sognatore.
Io come te e tu come me, in questo siamo uguali.
Per questo non ti chiedo spesso come stai, già lo so. [B.G.]

 

manisullaspalla

Tra dare e avere…

Io chiedo di più ora.
Più amore, più attenzione, più parole, più sguardi, più interesse, più abbracci, più sorrisi, più mani, più dolcezza, più sempre di più.
Non ho chiesto mai, perché ho sempre pensato che dovesse essere spontaneo dare e ricevere!
Quando non chiedi e sei impegnata a dare la tua parte, sei sempre tu quella che riceve meno, anzi, ricevi il niente più assoluto.
Sei lì in attesa come il cagnolino che scodinzola ma non troppo per non sembrare inopportuna!
Tutti ti passano davanti ma nessuno ti vede.
Tutti prendono ma nessuno ti da.
Tanto tu non chiedi.
Tanto tu non sogni, tanto tu non speri, tanto tu non ne hai bisogno.
Tu sei forte.
Forte in tutte le tue rinunce, in tutto quello che non hai detto, in tutto quello che non hai chiesto.
Tu sei forte, perché ora che sai cosa ti spetta hai deciso che prima di dare esiste anche il ricevere e se non hai, anche chiedendo, giri le spalle e te ne vai.©

 

manintrecciate