Accadeva

Accadeva a volte che non avessi voglia di parlare. E mi prendeva sempre quando ero in mezzo alla gente.
Mi si alzavano i toni di alcuni pensieri e tutto sembrava diventare insignificante, ogni contatto con gli altri mi sembrava disgustoso. La maturi poco a poco la paura di farti abbracciare, ti cresce dentro come un rampicante che ha attecchito le proprie radici in fondo a tutto quello che ti ha ferito, graffiato, annullato. Hai accumulato tu tutto il necessario per renderla rigogliosa e così potente.
Tutto diventa estraneo. Tutto tranne quella paura che ormai guida ogni cosa che fai.
C’è chi impazzisce e chi semplicemente si rassegna. Non so chi dei due dimostra meno coraggio, se io che smetto di parlare o chi smette di combattere.[©Yelena b.]

accadeva-woman-1517067__340

Silenzio

Il silenzio ha il colore delle nuvole d’inverno
È quel viaggio improvviso che ti porta via dove non sai
A volte brilla sulla superficie argentea del mare
È un gatto accanto al camino mentre tu voli oltre il confine di tutti i tuoi sogni e la tua anima arde tra le fiamme di milioni di “vorrei”
Sei tu
e tutto quel che resta quando ritorni e non ritrovi più nulla delle certezze che hai accatastato
… eppure…
non è mai zitto abbastanza
a volte ha il suono assordante di quella lacrima che non hai mai pianto[©Yelena b.]
lacrime2

Completa

Completa

Ho abbandonato molto di me lungo la strada
abitudini, convinzioni, vecchi sogni e chimere
A volte mi sono sdoppiata, alienata, condannata, strappata, rinnegata
Mi sono data colpe per ogni brivido per cui ho tremato
Eppure
Ci sono cose di te che non posso rinnegare
Il solo fatto che esisti, ovunque tu sia, con chiunque tu sia, malgrado tutto, malgrado me, mi fa sentire completa.[Yelena b.]
kimono

Futuro

Lucido il nostro sogno con una lacrima tutte le sere

ti immagino in un domani fatto di un pavimento d’assi di legno,

d’un camino,

d’un tavolo intagliato…

d’un futuro le cui promesse rimbombano come proiettili in guerra come il tuo profumo,

la tua voce,

le tue mani perentorie…

di quei segni inesistenti, ricami dolorosi e mai stanchi di gridarti “resta”…

di un paio d’occhi di cielo su pelle ambrata che mi ingoiino e mi ridiano l’anima…

Un futuro scivolato via, fra le poche parole e i tanti silenzi in cui non sapevo parlarti di come ti avrei disegnato tra le nuvole del cielo, da lì alla fine dei miei stessi giorni, di come sarei sopravvissuta senza…©Yelena b.

firetmblr

Anime a brandelli

Le donne con l’anima a brandelli non le riconosci subito, nascondono tutto dietro una risata e un “sto bene”.

Non piangono mai.

Se bussi a casa loro trovi sempre caffè e biscotti.

Se chiedi aiuto sono sempre pronte.

Le donne con l’anima a brandelli lavano quel che resta in silenzio, a notte fonda, nei sogni che dimenticano, nelle parole che non trovano.

Ricominciano sempre, da qualsiasi punto, non hanno tempo per fermarsi.

Ne ho viste passeggiare tante ai bordi della vita, avevano tutte lo stesso sguardo impegnato a vivere se stesse, trapeziste improvvisate in questo circo.

Devono dondolare e lo fanno, la paura non le ferma.

Come sono vere… e sole.©Yelena b.

 

ciglio

Ne aveva tanta. Troppa.

Ne aveva tanta. Troppa.
Avrebbe dovuto disfarsene, lasciarne forse solo il giusto, quel poco che ti lascia sognare e a volte ti fa scrivere quei silenzi che invece non avrebbero voce.
Ma non lei.
Lei ne collezionava vari tipi e formati, ognuna aveva occhi e nomi. Quando da te partono tutti, ti resta solo lei.©Yelena b.

aveva bed-1836316__340

Quante volte andrai alla deriva

Deriva

Quante volte andrai alla deriva e nessuno se ne accorgerà?
Naufragare ti riesce sempre bene, complice questa nave di silenzio e questo mare di ricordi e nessuno che sappia davvero ascoltare.
A che serve salvarsi alla fine…
non sopravvivo alla notte, rinasco sempre in un nuovo dolore.©Yelena b.

deriva man-515518__340

Sfregi

Sfregi

Quello che fa bene e quello che fa male.
Quello che ricordi ma che non vuoi ricordare
Quello per cui i sogni non ricordi più
Dicono che la cicatrice che fa male è quella che continui a toccare
… ma se tu continui a scrivermi l’anima io vengo a leggerti…
E mentre mi illudo che fosse, che c’era
Mi faccio di te che non ci sei.
©Yelena b.

sfregi 18-full2

 

Mi diceva

Mi diceva che mi avrebbe amata per quello che ero
Mi diceva che avrebbe ascoltato quello che avevo da dire
Mi diceva che sarebbe stato al mio fianco nel bello e nel cattivo
Mi diceva tante cose che ora conservo nello scrigno del suo silenzio da quando ha visto, sentito e toccato…
Ma non è rimasto.
[Yelena b.]

mi diceva guardandoilmare