In una tasca

Me lo sono messo in una tasca speciale quel ti amo che manca. So che dovrei ripulire quella tasca ogni volta che la pioggia mi lava il cuore, ma noto che tutto sbiadisce eppure lui no…
Le mie amiche ripetono che sbaglio a lucidare i ricordi tutte le sere, che non ha senso aver tanta cura di te che mi hai regalato una distanza così grande. Loro hanno ragione e io torto, mi siedo di fronte al tramonto la sera e ti seguo, a nord, nessuno sa che sono incompleta, nessuno immagina che metà di me ce l’hai tu. Non so dove abbia deciso di nascondersi, se dentro il tuo armadio, sotto il letto, fra i cd o sui rami del tuo ciliegio… Vive con te, nel silenzio di ciò che è, una delle tante con cui hai ammazzato tempo e rabbia della tua vita.
Non so restituirmi, forse perché non so amarmi… Ho scelto di amare te, fino alla fine di me.[©Yelena b.]
tmp_24010-14443708693631-1069445264

Sposa

Sposa promessa ad un domani mai venuto,
ad un uomo mai esistito,
ad un amore fatto di parole
Un fantasma che insieme alle parole ha finito per sbiadire…[©Yelena b.]
tmp_21905-https%3A%2F%2F41.media.tumblr.com%2F90e78dea3b088cb24b5600d745bfc4e8%2Ftumblr_ntd5jlPYE61uzyutuo1_1280297266139

Incidente

Era il frutto di un incidente, se lo diceva da sempre. Di quelli che capitano nei giorni storti, quando ogni cosa va male. Una specie di sfortuna.

Doveva essere così o non si spiegava il fatto che nessuno la tenesse, nessuno facesse pazzie, nessuno che l’amasse sul serio.

Ma in fondo che poteva importarle? In fin dei conti anche senza era viva e viveva.

Aveva tentato sempre di contenersi, di frenarsi, di essere “brava” e a cosa era servito? A rendere più grande la sua delusione. Non restavano, preferivano perderla.

Va bene, allora, li aveva compresi, non doveva obbligarli, o addirittura imporsi, bastava lasciarli andare.

Le faceva male ma non dipendeva da lei.

Era stata concepita per essere un incidente, di quelli che capitano quando piove e non hai un riparo, quando tutto va male, quando non sai apprezzare un sorriso e la semplicità di tanto amore.[©Yelena b.]

fuori

“Ti ho amato”

La tela tessuta di un mosaico di pelle
e io che mi sento Penelope nella tua assenza
Imbozzolata nei ricordi sempre lucidi
Ripassati a memoria
Mia anima menestrella che osi ancora cantare perché non smetti?
E lei risponde con uno dei suoi soliti silenzi poi si gira e ricomincia
Io lo so che si tocca quella spina conficcata nel suo fianco…
La cruda realtà non fa male tanto quanto la crudeltà del suo falso
“ti ho amato”.[©Yelena b.]

amato black-and-white-1283234__340

Futuro

Lucido il nostro sogno con una lacrima tutte le sere

ti immagino in un domani fatto di un pavimento d’assi di legno,

d’un camino,

d’un tavolo intagliato…

d’un futuro le cui promesse rimbombano come proiettili in guerra come il tuo profumo,

la tua voce,

le tue mani perentorie…

di quei segni inesistenti, ricami dolorosi e mai stanchi di gridarti “resta”…

di un paio d’occhi di cielo su pelle ambrata che mi ingoiino e mi ridiano l’anima…

Un futuro scivolato via, fra le poche parole e i tanti silenzi in cui non sapevo parlarti di come ti avrei disegnato tra le nuvole del cielo, da lì alla fine dei miei stessi giorni, di come sarei sopravvissuta senza…©Yelena b.

firetmblr

Quante volte andrai alla deriva

Deriva

Quante volte andrai alla deriva e nessuno se ne accorgerà?
Naufragare ti riesce sempre bene, complice questa nave di silenzio e questo mare di ricordi e nessuno che sappia davvero ascoltare.
A che serve salvarsi alla fine…
non sopravvivo alla notte, rinasco sempre in un nuovo dolore.©Yelena b.

deriva man-515518__340

Sfregi

Sfregi

Quello che fa bene e quello che fa male.
Quello che ricordi ma che non vuoi ricordare
Quello per cui i sogni non ricordi più
Dicono che la cicatrice che fa male è quella che continui a toccare
… ma se tu continui a scrivermi l’anima io vengo a leggerti…
E mentre mi illudo che fosse, che c’era
Mi faccio di te che non ci sei.
©Yelena b.

sfregi 18-full2

 

Mi diceva

Mi diceva che mi avrebbe amata per quello che ero
Mi diceva che avrebbe ascoltato quello che avevo da dire
Mi diceva che sarebbe stato al mio fianco nel bello e nel cattivo
Mi diceva tante cose che ora conservo nello scrigno del suo silenzio da quando ha visto, sentito e toccato…
Ma non è rimasto.
[Yelena b.]

mi diceva guardandoilmare