Ho studiato come scrivere poesie

Ho studiato come scrivere poesie.
Rime baciate, sonetti… Haiku…
Belle, precise, d’effetto.
Scegli un argomento, lo ricami e lo rendi stilisticamente sublime, ecco.
La puoi scrivere su tutto.
Piovono applausi…
Le rileggi…. E non ti piacciono.
Cosa c’è che non va?
C’è che manca qualcosa…
Sono fredde, spazzate da una tramontana che le rende statiche, immobili, stantie
Finisci per chiederti cosa volessi dire con quelle belle parole agghindate…
Allora ci metti una stilla di sangue e una lacrima, e lasci il cuore a briglia sciolta lungo quegli angoli inesplorati di te stessa, là dove covi le parole che da anni tieni nascoste…
Bruciano come il fuoco, le lasci volare e danzare insieme, si prenderanno per mano, si legheranno strette l’una a l’altra, magiche e silenziose, mentre dentro di te si mescolano i sentimenti che le agitano!
Sembrano un intreccio dall’ordito preciso eppure sono uscite dal caos, dal profondo. Alcune non sapevi neppure di averle messe là sotto, credevi di averle dimenticate, altre te le hanno dette mille volte. Quanto sono belle, sembrano tutte sorelle.
Le devi solo scrivere e cantare, così come sono venute…
Io mi sento figlia di tutto questo, è la mia poesia sporca, fatta di cielo, libera, umana.
Non voglio ingabbiare quest’anima, sa dire solo la sua verità, senza numeri, senza metrica, fatta solo d’emozione che colora e impiastra la mia vita.[Yelena b.]

ho studiato

 

ho studiato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.