Le tue promesse…

Costruire un mondo intorno a delle parole…
crederci fino in fondo perché gli occhi di chi le diceva erano il tuo mondo.
Accarezzarle con cura, quasi come fossero state un bimbo appena nato o
un dono prezioso che pensavi non avresti ricevuto mai…
Sentirle tue, fino all’osso, sotto pelle, dentro il cuore….
e poi vederle sparire…
portate via dal silenzio…
dal niente…
da nessuno…
da te…

Musashi

Una guerriera è una persona integerrima. Il suo animo è puro. Una guerriera non si separa mai dalla sua spada, vive in simbiosi con essa perché essa è la sua forza. Non ama i sotterfugi, ma è molto intelligente: studia il suo nemico in silenzio. Non attacca mai per prima. Ma si difende quando viene attaccata. Non parla mai se non quando deve dire davvero qualcosa. E tira fuori la sua rabbia solo quando le tocchi ciò che più ama. E se non vuoi assaggiare la sua ira, faresti meglio a non provocarla…

Cosa ti porterò…

Cosa ti porterò… immagino sempre cosa ti porterò quando ci rivedremo.
Ho questa assurda convinzione che ci sia un continuo tra noi…
come se la mia anima ti appartenesse e la tua mi appartenesse
e allora penso a ciò che ti porterò quel giorno
se un fiore
o un peluche
o le mie stesse mani.
Penso… e nel frattempo ti amo, senza tempo, senza storia, senza idee
ti amo
come mai prima
e forse come mai dopo.

Morbido… quel letto… profumato di te…

Morbido… quel letto… profumato di te…
dio posso sentire quelle mani… quelle labbra… respiravo piano, ogni tuo gesto, sospiro, mi arrivava dentro come una sferzata……………… ero consapevole che ogni cosa avessi voluto dire mi sarebbe rimasta sospesa… eppure… tu, la sapevi già. Eri già dentro ogni parola che pensavo… ti sei aggrappato dentro, annidato come una parte di me. Ogni battito del mio cuore rimbombava quasi come un terremoto… alla fine è uscito dal mio petto… ce l’hai ancora lì… tra quelle lenzuola…
spero che ogni notte tu lo senta battere…

Tu non sei semplicemente nuda… quando ti spoglio il tuo corpo diventa un luogo sacro… entrare in te è varcare le soglie di un infinito che non conoscevo… mi perdo… vago… respiro… vivo un’emozione immensa… Tu non sei semplicemente nuda… tu sei anima e cuore…

Tu non sei semplicemente nuda…
quando ti spoglio il tuo corpo diventa un luogo sacro…
entrare in te è varcare le soglie di un infinito che non conoscevo…
mi perdo… vago… respiro…
vivo un’emozione immensa…
Tu non sei semplicemente nuda…
tu sei anima e cuore…
[Yelena b.]

E sei sola con i tuoi pensieri, sola mentre lui si prende ogni angolo, anche quando non c’è. Ti ha segnata. Ti ha sfregiata… ti ha depredata. Eppure non ha portato via niente di materiale… eppure quando è uscito dalla tua vita era già lontano. Esistono molti modi di uccidere, ma il più sottile lo fai con l’assenza repentina. Quella che accade all’improvviso, quella cruda, netta, drastica. Se proprio volevi ammazzare la mia anima, potevi scegliere un modo più diretto… ai miei occhi di condannata, sarebbe stato un atto di umanità.